Ma réservation

Nouvelles et événements à Rome et ses environs

Una mostra racconta uno dei luoghi più celebri e simbolici della Roma rinascimentale e barocca: gli Horti voluti dai Farnese

Continua fino al 18 novembre 2018 Il Palatino e il suo giardino segreto. Nel fascino degli Horti Farnesiani, a cura di Giuseppe Morganti. La rassegna è stata presentata dal Parco archeologico del Colosseo il 21 marzo di quest'anno e, con termine inizialmente previsto per il 28 ottobre, sarà invece visitabile dal pubblico per tre ulteriori settimane. "Un percorso alternativo, dal passo lento, in un giardino inaspettato, contemporaneamente reale e immaginario, fino al belvedere già amato dai Farnese e che ancora oggi permette di riempirsi gli occhi della Bellezza più autentica di Roma", lo definisce Alfonsina Russo, Direttore del Parco Archeologico del Colosseo. 


L'itinerario dell'iniziativa – organizzata e promossa da Electa – è concepito come una narrazione che prende avvio con le geometrie del verde volute dai Farnese,  ripercorre la stagione del Grand Tour, quando i giardini nel pieno della decadenza acquisirono quel volto romantico che tanto affascinò poeti e artisti, primo fra tutti Goethe, e termina agli inizi del Novecento, quando iniziarono le indagini archeologiche. Dalla via Nova, al limite del Foro Romano, fino alle Uccelliere sul colle Palatino, una pannellistica illustrata accompagna il visitatore nel racconto delle trasformazioni degli Horti. 
Due i prestiti di eccezionale valore – collocati nelle Uccelliere – provenienti dalla collezione Farnese del Museo Archeologico Nazionale di Napoli: tornate per la prima volta sul sito originario le sculture del Barbaro inginocchiato, in marmo nero antico e pavonazzetto, all'epoca utilizzato come portavaso, e di Iside fortuna, in marmo bigio morato, che decorava una delle nicchie della scala ai lati del Teatro del Fontanone. 
Nelle Uccelliere sono esposti anche i due giganteschi busti di Daci prigionieri che, nel Seicento, decoravano il criptoportico d'accesso al Ninfeo d

 
Défiler vers le haut